lunedì 24 settembre 2018

FABIO TAGARELLI
AGENTE GENERALE DI ASSICURAZIONI

PREVIDENZA

PROTEZIONE

PAGINA IN COSTRUZIONE

TUTELA LAGALE

PAGINA IN COSTRUZIONE

AREA SALUTE

PAGINA IN COSTRUZIONE

AGROALIMENTARE

PRESTITI PERSONALI

Axa Assicurazioni

Fabio Tagarelli - Rc auto tra supertariffe, frod...

15
dic

Rc auto tra supertariffe, frodi e ritardi E al Sud spunta la “pulizia geografica”

Prezzi delle polizze troppo alti, speculazioni sugli indennizzi, mancati risarcimenti: ne hanno parlato le associazioni dei consumatori e l’organismo di controllo Isvap. Scoppia il caso della disdette programmate nel Meridione da parte di Assitalia, che replica: “Gravi fenomeni fraudolenti”

    CONSUMATORI all’attacco contro il caro-Rc auto. Frodi in aumento, speculazioni sugli indennizzi, riforme non completate, norme sul risarcimento diretto aggirate, garanzie ridotte. In una parola: servizio insoddisfacente. Tutti aspetti che tendono a mantenere elevati i costi di una copertura che è obbligatoria per legge. Di tutto questo se ne è parlato questa mattina nell’incontro tra le associazioni dei consumatori e l’Isvap, l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo, con lo scopo di discutere le proposte da portare al tavolo del Governo e sollecitare l’Ania, l’associazione di categoria delle compagnie, a un comportamento “più responsabile”.

Tra le proposte accolte dall’Isvap c’è la rimodulazione del bonus-malus. Il sistema delle compensazioni forfettarie sta comportando infatti aspetti speculativi da parte delle compagnie che si ripercuotono in aumenti delle polizze per gli assicurati. L’Istituto per la vigilanza si è impegnato, inoltre, a salvaguardare la riforma del risarcimento diretto, avvenuta nel 2007, e a limitare il fenomeno della compravendita dei sinistri (tramite il meccanismo della cessione del credito a carrozzieri o studi legali di infortunistica stradale). Ma la richiesta più forte dei consumatori è quella di intervenire sulle tariffe. Secondo l’Ania affrontando le criticità nel settore dell’Rc auto i prezzi potrebbero ridursi del 38%.